Colosseo, accolto il ricorso del Comune sul Parco Archeologico

Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso del Campidoglio contro il decreto del Mibact che prevedeva l’istituzione del Parco Archeologico del Colosseo.

Esulta la sindaca di Roma, Virginia Raggi: “Hanno vinto i cittadini”
“È stato sconfitto il tentativo del governo di gestire in totale autonomia e senza concertazione il patrimonio culturale della nostra amministrazione. Roma resta di tutti”. Mentre il ministro alla Cultura Dario Franceschini annuncia su Twitter che impugnerà la sentenza.

I giudici di via Flaminia concordano con il Campidoglio sul fatto che la nuova configurazione “avrebbe comportato la perdita per la città di Roma (ed in particolare per tutte le aree archeologiche escluse dal Parco e rimaste di competenza della Soprintendenza speciale) di gran parte dei proventi del Colosseo; inoltre, avrebbe sancito la eliminazione della rilevanza unitaria dell’area all’interno delle mura aureliane, oggetto della tutela Unesco. Il Collegio- si legge- ritiene che le censure siano fondate”.

Secondo il presidende del Codacons, Carlo Rienzi, “La creazione di un Parco Archeologico al Colosseo toglieva funzioni, competenze e ricavi alla Soprintendenza speciale, sovvenzionata proprio dalle risorse derivanti dai biglietti per il monumento, creando così un danno prima di tutto ad un ufficio esistente e perfettamente funzionante, e in secondo luogo all’intera città”.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

  • Share/Save/Bookmark

Share Your Thoughts