Un monumento alla “plebe di Roma”

“Io ho deliberato di lasciare un monumento di quello che oggi è la plebe di Roma. In lei sta certo un tipo di originalità: e la sua lingua, i suoi concetti, l’indole, il costume, gli usi, le pratiche, i lumi, la credenza, i pregiudizi, le superstizioni, tuttociò insomma che la riguarda, ritiene un’impronta che assai […]

ER PAPA (G.G. Belli)

Iddio nun vò cch’er Papa pijji mojje Pe nnun mette a sto monno antri papetti: Sinnò a li Cardinali, poveretti, Je resterebbe un cazzo da riccojje. Ma er Papa a ggenio suo pò llegà e ssciojje Tutti li nodi lenti e cquelli stretti, Ce pò scommunicà, ffà bbenedetti, E ddacce a ttutti indove cojje cojje. […]

ER MERCATO DE PIAZZA NAVONA (G.G.Belli)

Ch’er mercordì a mmercato, ggente mie, Sce ssiino ferravecchi e scatolari, Rigattieri, spazzini, bbicchierari, Stracciaroli e ttant’antre marcanzie, Nun c’è ggnente da dì. Ma ste scanzie Da libbri, e sti libbracci, e sti libbrari, Che cce vienghen’a ffà? ccosa sc’impari Da tanti libbri e ttante libbrarie? Tu ppijja un libbro a ppanza vòta, e ddoppo […]

S.P.Q.R. (di G.G.Belli)

Quell’esse, pe, cu, erre, inarberate Sur portone de guasi oggni palazzo, Quelle sò quattro lettere der cazzo, Che nun vonno dì gnente, compitate. M’aricordo però che da ragazzo, Quanno leggevo a fforza de fustate, Me le trovavo, sempre appiccicate Drent’in dell’abbeccé ttutte in un mazzo. Un giorno arfine me te venne l’estro De dimannanne un […]