Foro Romano: in primavera riapre la Basilica Giulia

Le Basilica Giulia, monumento tra i più straordinari del Foro romano, profondamente legato alla figura del primo imperatore di Roma che la “ereditò” da Giulio Cesare per ampliarla e trasformarla nel più grande tribunale di Roma, tornera’ al pubblico entro la primavera del 2013, con la conclusione dei lavori di restauro costati circa 850mila euro.
Un vero traguardo, visto che per la Basilica Giulia si tratta del primo intervento sistematico di restauro da quando è stata scavata alla metà dell’800.
Ma il cantiere della Basilica, che deve il suo nome a Cesare che ne avviò i lavori nel 54 a. C. per poi essere ricostruita da Augusto, è solo una prima fase del più ambizioso progetto di recupero di tutta l’area nordovest del Foro romano, chiusa da secoli, con la prospettiva entro il 2013 di aprire i percorsi originali più antichi, tra il “Vicus Tuscus” e il “Clivo Capitolino”.
A dare la percezione dell’imponenza architettonica della Basilica ci pensano ora le tabernae d’età augustea sull’angolo nordovest, una sequenza vertiginosa di murature di blocchi di travertino e tufo alte oltre 15 metri, coronate da archi giganteschi rivestite di stucchi su intonaci.
“Le tabernae svolgevano una funzione di collegamento tra la basilica e gli assi viari del Foro – racconta Sciortino – Inoltre, con un sistema di rampe di scale erano i punti di accesso ai livelli superiori”.

Fonte: Repubblica.it

Share Your Thoughts