Tesori di Roma: La Mole Adriana, ovvero Castel Sant’Angelo

Uno dei monumenti più affascinanti di Roma, da mausoleo per l’imperatore a fortezza e poi carcere, fino al museo di oggi, Castel Sant’Angelo svetta sul Tevere da quasi duemila anni!

Fu infatti l’imperatore Adriano, nel II secolo d.C. a farlo costruire come mausoleo, ovvero come edificio per ospitare le sue spoglie e dei suoi familiari (da qui l’altro nome con cui è conosciuto: Mole Adriana). Il Mausoleo, durante la sua funzione, ospitò i resti non solo di Adriano e di sua moglie ma anche degli imperatori Antonino Pio, Marco Aurelio, Settimio Severo e Caracalla.

E’ poi nel 590 che l’edificio assume il nome attuale di Castel Sant’Angelo quando, secondo la tradizione, l’arcangelo Michele apparve a papa Gregorio Magno in cima alla Mole Adriana mentre infoderava la spada. Un segno che venne interpretato come l’imminente fine dell’epidemia come poi effettivamente avvenne.

Nel corso del tempo, poi, data la sua vicinanza alla Basilica di San Pietro, il castello venne istituito come residenza papale e fortificato con la costruzione dei quattro bastioni dedicati ai santi Evangelisti mentre molti ambienti, all’interno del castello, vennero destinati al carcere.
I processi venivano svolti nella Sala della Giustizia mentre le esecuzioni capitali generalmente avvenivano fuori del castello, nella piazzetta di là dal Ponte Sant’Angelo,
Tra i prigionieri illustri rinchiusi nelle celle di Castel Sant’Angelo troviamo Benvenuto Cellini, Beatrice Cenci e Giordano Bruno.
La Sala della Giustizia e altri ambienti destinati al carcere sono visitabili ancora oggi, così come la bellissima Sala Paolina o il Cortile dell’Angelo.

Entrare oggi a Castel Sant’Angelo, quindi, è un pò come ripercorrere la storia di Roma, dai fasti dell’Impero al potere temporale della Chiesa al buio della Inquisizione, fino ai nostri giorni, quando il castello è diventato un museo. Tra i cinque musei più visitati d’Italia.
Ma un tour a Castel Sant’Angelo permette anche di salire sulla terrazza dove si trova la statua dell’Angelo e godere di un panorama mozzafiato su gran parte della città di Roma.
Oltre al Tevere che scorre sotto, sono visibili: il Palazzaccio (il Palazzo di Giustizia), l’Altare della Patria, il Pantheon, il Colosseo e, soprattutto, collegata al castello tramite il Passetto di Borgo, la Basilica di San Pietro.

Oggi il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo è aperto tutti i giorni, tranne il 1 gennaio, 1 maggio e 25 dicembre, dalle 9.00 alle 19.30 (ultimo ingresso alle 18.30)

Altre cose da vedere a Roma

I Musei Vaticani e la Cappella Sistina

Share Your Thoughts