Il Colosseo
Mercatini di Natale, eventi e spettacoli durante le feste di Natale a Roma

Le feste di Natale e Capodanno a Roma
Alberi e presepi a Roma nel Natale 2020Fino al 6 gennaio, Roma
Oltre a Spelacchio, l"albero di Natale di Roma, alto 23 metri x 12 metri di diametro (alla base) e inaugurato a Piazza Venezia l"8 dicembre scorso, quest"anno un albero luminoso sarà installato a Piazza Risorgimento e uno in ogni municipio.
Inoltre, il 18 dicembre sarà allestito un presepe in Piazza del Campidoglio, un presepe napoletano del "700 in Piazza di Spagna e un presepe pinelliano a Piazza del Popolo.
Inoltre, nei giardini di Piazza Vittorio sorgerà un presepe robotico, e verrà organizzato anche un concorso di idee rivolto ai bambini.


OLTRE TUTTO, il Capodanno di Roma 202131 dicembre 2020, ore 22, culture.roma.it
Una evento unico solo in streaming sui social del Comune di Roma, con artisti nazionali e internazionali: Gianna Nannini, Manuel Agnelli con Rodrigo D"Erasmo, Diodato, Elodie, Carl Brave e altri.
Un racconto artistico fatto di suoni, parole e immagini per una festa di Capodanno che sarà nuova e diversa.
Le due autrici, Francesca Macrì e Claudia Sorace, saranno in collegamento dalle 22 a dopo alla mezzanotte dal Laboratorio di Scenografia del Teatro dell"Opera, con un affaccio straordinario sul Circo Massimo, e da cui si esibirà, in diretta streaming, Gianna Nannini.
Nel Circo Massimo, a differenza delle persone come negli anni passati, ci saranno due grandi istallazioni d’arte contemporanea, quella di Alfredo Pirri (Fuoco – Cenere – Silenzio) e quella di Tim Etchells (THIS PRECISE MOMENT IN TIME AS SEEN FROM THE FUTURE).
Ci sarà anche la prima mondiale di Tomás Saraceno: How to hear the universe in a spider/web: A live concert for/by invertebrate rights, dove l’artista argentino esplorerà le connessioni della Terra con l’Universo e dell"Uomo con la Natura e il Cosmo, mentre per la musica, oltre a Gianna Nannini, il programma prevede performance di altri artisti italiani da luoghi assolutamente straordinari di Roma come il Tabularium dei Musei Capitolini che ospita Elodie, lo Stadio Palatino con Diodato, Gemitaiz all’Ara Pacis, Carl Brave di fronte all’Arco di Giano e Manuel Agnelli con Rodrigo d’Erasmo dal Museo di Roma - Palazzo Braschi.
Apriranno lo streaming Adriana Ferreira e Augusta Girardi con una bellissima performance in duo, flauto e arpa.


Luci di Natale 2020 a RomaFino al 6 gennaio 2021, Roma
Per il periodo delle feste natalizie, dall’8 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, sono state individuate attività che evitino assembramenti di persone e assicurino il pieno rispetto delle misure previste: giochi di luce, proiezioni di video-mapping, installazioni innovative e luminose per veicolare messaggi di tradizione e condivisione e per diffondere l’atmosfera natalizia in tutta la città.
Fino al 6 gennaio, a Piazza Navona, le tre fontane monumentali si illuminano di blu e sulla Fontana dei Quattro Fiumi appare una proiezione in video-mapping che anima la fontana su tutti e quattro i lati con colore, musica e movimento.
A Piazza del Popolo, invece, dal 19 dicembre, sulla Porta del Popolo, che per secoli ha costituito il principale accesso alla città, saranno proiettate immagini meravigliose ed evocative di angeli custodi e "protettori" della città.
Altre installazioni luminose saranno allestite in varie aree della città mentre un albero luminoso alto 6 metri verrà posizionato in ogni Municipio.
Un open bus natalizio, poi, circolerà, portando musica, per le vie della città, mentre, in occasione della Festa della Befana, verrà realizzata, in collaborazione con il Bioparco di Roma., un’iniziativa speciale destinata ai bambini



Spelacchio, l'Albero di Natale di Roma
Spelacchio è il nome con cui è diventato famoso ormai in tutto il mondo l"albero di Natale di Roma.
Tutto è cominciato nel Natale del 2017 quando l"albero proveniente dalla Val di Fiemme, sulle Dolomiti, arrivò a Piazza Venezia in cattive condizioni, spoglio, con i rami molto radi, al punto da guadagnarsi il soprannome di Spelacchio, dal termine "spelacchiato" che in dialetto romano indica appunto un albero spoglio, con poco fogliame.
Polemiche e battute sui social si diffusero in mezzo mondo, addirittura il canale russo lo battezzò “toilet brush”, ossia scopino da water e, se da un lato provocò ovviamente l"imbarazzo della giunta Raggi, dall"altro Spelacchio divento l"ennesima attrazione turistica di Roma, più fotografato del Colosseo durante quelle feste di Natale.
Se negli anni successivi gli alberi di Natale di Piazza Venezia sono stati decisamente all"altezza della bellezza di Roma, la fama di Spelacchio non è passata e oggi rimane ancora tra le cose più fotografate dai turisti durante le vacanze di Natale.


"Oltre" il Colosseo


il-Colosseo.it S.r.l.
P. IVA: 14810651001
Tutti i diritti sono riservati
Informativa sull'uso dei cookies
Normativa sulla privacy
Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità